@mariapolieoltre

351

Circa 500 persone: adulti, giovani, famiglie con bambini, anziani, sacerdoti,  provenienti da tutta la Campania e da Potenza e provincia, hanno preso parte, dal 13 al 16 luglio 2017, nell’incantevole scenario naturale di Lago Laceno, in provincia di Avellino, alla Mariapoli 2017, della zonetta di Napoli.

Il titolo “Oltre ogni perché” si è sviluppato attraverso quattro grandi domande: “Perché in Mariapoli?”, “Perché il dolore?”, “Perché insieme?” e “Perché tornare?”,   nei propri ambienti.

Attraverso il racconto di esperienze, la proiezione di conversazioni di Chiara, appositi spazi per lo sviluppo di idee forza, la condivisione in piccoli gruppi di quanto ascoltato e visto, passeggiate, escursioni, giochi e, soprattutto, il vivere assieme tutti i momenti della giornata, si è creato un clima di famiglia, rafforzato dalla partecipazione all’Eucarestia e dalla comunione dei beni spirituali e materiali.

Particolarmente significative le esperienze di dolore di diverse persone. Storie di quotidiana e, allo stesso tempo, eroica solidarietà. Il segreto per tutti:  saper riconoscere e accogliere nelle “strettoie della vita” Gesù nel mistero del Suo abbandono.

L’Arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia, Mons. Pasquale Cascio, ha visitato la Mariapoli sabato 15 luglio ed ha presieduto la santa Messa, concelebrata da numerosi sacerdoti. Nell’omelia, ha invitato i partecipanti a seguire Dio sulla strada tracciata da Chiara, da lui definita “donna dello Spirito”. «Solo vivendo come famiglia di Dio – ha affermato- diamo una qualità nuova allo stare insieme».

Facendo riferimento alle domande chiave della Mariapoli, Mons. Cascio si è, poi, soffermato sul “Perché tornare?”, spiegando che proprio il ritorno è la verifica del partire. Se non c’è un tornare al porto, alla famiglia, all’amore, la partenza potrebbe dirsi vana. Commentando la pioggia torrenziale, rovesciatasi senza danni sul tendone proprio durante la Messa, ha ricordato come sia proprio dall’Irpinia che partono tante fonti d’acqua che dissetano la Campania e regioni circostanti e si è augurato che allo stesso modo, la grazia caduta in questi giorni sui partecipanti alla Mariapoli possa arrivare a tutta la regione ed oltre.

Loreta Somma

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO