Potevo guardarli negli occhi

544

Un giorno, mentre mi recavo a scuola, sono stato aggredito da una banda di ragazzi in un sottopassaggio. Mi hanno preso a calci ed a pugni e sbattuto a terra: volevano il mio cellulare. 

Quando finalmente sono andati via, non riuscivo ad alzarmi dal dolore che provavo nel corpo e nell’anima. Mi chiedevo: “Perché a me?” e in me montava il rancore.

A scuola ho raccontato al alcuni compagni l’incidente che mi era capitato, ma nessuno ha capito il mio dolore e questo mi ha ferito. Per alcune notti non ho potuto dormire: piangevo dalla rabbia, mentre come in un film rivedevo la scena del sottopassaggio.

Solo dopo un po’ di tempo sono riuscito a parlarne con alcuni amici che come me hanno come riferimento il Vangelo. Confidarmi mi ha aiutato a fare ciò che prima mi pareva impossibile: perdonare gli aggressori.

Quando sono andato in tribunale per il riconoscimento e per il processo, sentivo in cuor mio che li avevo perdonati e, senza difficoltà, potevo guardarli dritto negli occhi.

a cura di Tanino Minuta

image_pdfimage_print
Condividi

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO