I trapani rubati

508

Benda ed io stiamo lavorando in ufficio, quando sentiamo un colpo all’esterno. Andiamo a vedere: un vetro del nostro furgone è stato rotto e sono spariti tre trapani.

È la prima volta che ci succede una cosa del genere e, passato il primo momento di rabbia, rimaniamo sconsolati. Poi in me nasce un pensiero: perdonare l’autore del furto, fatto forse per necessità. A questo punto comunico a Benda il mio proposito e il discorso cade sul Vangelo e il Corano (lui è musulmano).

L’amico conclude con un pensiero secondo la sua tradizione: «Quando una persona perdona, sicuramente quello che gli è stato tolto qualcun altro glielo ridona».

Finito il lavoro, torniamo a casa, dove troviamo ad attenderci un parente. Raccontiamo quello che è successo e spontaneamente lui ci offre dei trapani che un suo anziano zio non utilizza più.

Ce li porta il giorno seguente: uno di loro è simile a quello di maggior valore che ci è stato rubato. Benda ed io riprendiamo il lavoro con animo più leggero: l’intesa fra noi s’è fatta più forte.

a cura di Tanino Minuta

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO