La finestra

499

Col passare degli anni mio marito era diventato scontroso, silenzioso, non salutava più nessuno: mai una carezza o una parola gentile, anche con i figli e i nipoti.

Al lavoro aveva mandato in tilt tanti computer, lui era un informatico. Quando divenne aggressivo, non ressi più e decisi per la separazione. Poi la ripresa della vita a due quando lui accettò di farsi curare per una malattia cerebrale.

Ecco perché aveva provocato tanto dolore a sé ed alle persone care! Peggiorando la sua situazione, ora mi sembra di avere a che fare con un bambino, con un figlio, più che con un marito. Cosa mi fa andare avanti?

L’amore dei nipotini, il far parte di gruppo di auto mutuo aiuto tra familiari di ammalati di Alzheimer e demenza, legato ad un centro specialistico dove per un po’ si esce dall’isolamento sociale che la malattia comporta. soprattutto la fede.

Il dolore ti immette in luoghi imprevedibili e ignoti, ma io credo che sia anche “la finestra” da cui Dio guarda il mondo e il mondo può “vedere” meglio Dio. E lui, nella mia esperienza, non ti abbandona mai.

M. – Italia

a cura di Tanino Minuta

 

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO