Zucchini

170

Rispetto agli anni passati, avevo seminato in più 3.000 metri quadri di zucchini e 500 di fagiolini.

Quando ho sentito parlare di una economia evangelica che propone la destinazione di una parte degli utili per le necessità dei poveri, l’idea mi è entrata nell’anima e volevo subito attuarla.

Consultandomi con mia moglie, ho deciso di riservare per questo scopo il 10% del prodotto del campo. Quando però mi sono accorto che gli zucchini cominciavano ad ammalarsi, ho avuto un momento di smarrimento: “Signore, cosa faccio adesso? Se va male, non avrò niente da darti . . . “.

L’unica tentativo da fare era trattare le piantine ammalate con un prodotto. L’ho fatto e subito hanno ripreso vigore. Intanto, a causa della stessa malattia, altri contadini avevano seminato altri generi di ortaggi.

Abbiamo cominciato a raccogliere i primi zucchini a luglio e fino alla fine di settembre ne abbiamo venduti 45 quintali, tra la meraviglia di tanti, mentre dai fagiolini ho ricavato 4 quintali.

Da allora lavorare in campagna ha acquistato una nuova sacralità.

L.F. – Italia

a cura di Tanino Minuta

 

 

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO