Scelte nuove e coraggiose

298

Punti di vista n. 35

Succede a volte nella vita personale, di una comunità, di una aggregazione che il mutamento di situazioni esterne sia il motore principale di un processo di un cambiamento. Ad esempio la riduzione del numero di persone che si dedicano ad un progetto può indurre a far ripensare il progetto stesso.

Nelle cose di Dio, però, spesso le cause esterne sono appunto esterne, cioè solo quei segnali visibili che riconducono ad un piano più grande – sicuramente meno evidente – e a motivazioni più profonde. In questo percorso sono tante le dinamiche che bisogna attivare.

Senz’altro saper leggere i segni, mettersi in ascolto delle persone che con noi condividono il progetto, capire che un punto di debolezza può diventare un punto di forza, non cristallizzarsi su modalità consolidate ma individuarne di nuove, cercare risposte a domande prima inespresse, interrogarsi sulle priorità, operare quel discernimento comunitario che tanto consiglia papa Francesco.

E, infine, non avere paura di operare scelte nuove e coraggiose. Insieme.

Rosalba Poli e Andrea Goller
Responsabili del Movimento dei Focolari in Italia

Fonte: Rivista Città Nuova n. 10 / Ottobre 2018 pag. 49

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO