La vocazione

334

Quando nostro figlio ci annunciò la proposta, fattagli dal parroco, di entrare in seminario, rimanemmo sgomenti, non tanto per la scelta in sé, ma perché vedevamo anche le sue fragilità e temevamo una certa fuga dalle responsabilità.

Iniziò, tra noi e con gli altri figli, un dialogo nuovo. Anche loro cominciarono a chiedersi cosa significava fare una scelta così seria. Una sera invitammo a cena il parroco. Lo scambio avuto fu a tal punto costruttivo che lui ci propose di raccontare anche ad altri quanto era maturato nella nostra famiglia.

Oggi siamo un gruppo, anche con specialisti, che organizza serate sulla vocazione a cui partecipano in tanti.

(Tratto da il Vangelo del giorno, Città Nuova, anno V, n.6, novembre-dicembre 2019)

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO