Figlia adottiva

2496
Condividi

Essere stata adottata mi ha creato per anni un complesso di inferiorità e una certa ribellione. Quando i miei genitori adottivi sono morti a distanza di poco tempo, mi sono resa conto di quanto poco li avessi amati, non per l’eredità che mi avevano lasciato, ma perché ho capito con quanta delicatezza e tenerezza mi fossero stati vicini sempre.

Da quel momento la mia vita è cambiata: ho deciso di essere io madre di chi è so erente, di chi non ha casa… Quando qualcuno mi ringrazia io so di essere sempre in debito verso gli altri. Soltanto così posso rendere ai genitori quello che non sono riuscita a dare loro.

I. S. – Italia

Fonte: Il Vangelo del giorno, Città Nuova, Febbraio 2016, p.139

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO