Tutto può diventare occasione di “dono”

1886

Sono un anziano religioso.

Da quando anni fa rimasi colpito da paralisi agli arti inferiori, devo combattere con la tentazione di sentirmi collocato su un “binario morto”. Ora che in tutto dipendo dagli altri, anche nelle cose più delicate, e il mondo, per me, è diventato una stanza in cui trascorro la mia giornata nella monotonia delle ore, ora che tante persone conosciute percorrono le strade del mondo senza che io abbia più da interferire o consigliare… devo ancor più a darmi alla fede per dare un senso alla mia vita e scoprirne il valore.

È vero che, data la mia condizione, non posso influire sugli avvenimenti vicini e lontani. Mi è data però la meravigliosa avventura di vivere. Tutto può diventare occasione di lode, di ringraziamento, di preghiera, di offerta.

Anche Gesù, sulla croce, non ha fatto più miracoli o annunciato il Regno, ma ha continuato ad amare, anzi ha manifestato l’amore più grande e più puro, dando la vita per noi. Stare fermo non è immobilismo. Con e per Gesù crocifisso e abbandonato, voglio essere “dono”.

P. Vittorio – Italia

Fonte: Il Vangelo del giorno, febbraio 2017 (Città Nuova) p. 75

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO