Benevento, integrazione e solidarietà nelle nostre città

3089
Condividi

Il 4 gennaio 2018, al Centro Mariapoli Pace di Benevento, si è svolta la giornata di dialogo e condivisione con i poveri, coinvolgendo diverse Associazioni caritative della città. Giornata  voluta fortemente dall’ Arcivescovo Mons. Felice Accrocca  e con la partecipazione dell’Imam di Benevento Mustapha Ghafir e del Pastore evangelico Roberto Sferruzzo.

Un fermento di iniziative e di partecipazione generosa ha caratterizzato inizialmente la preparazione del “Pranzo di fraternità”, con donazioni spontanee di idee e di risorse da parte di aziende e di singoli cittadini.

Solenne è stato poi l’arrivo al Centro, il giorno 4,  di un centinaio di cittadini indigenti trasportati gratuitamente dal pullman della Mazzone Viaggi,  accolti con calore ed entusiasmo  e resi protagonisti di un momento conviviale arricchito da manifestazioni artistiche, canti, poesie, molti dei quali recitati dagli stessi ospiti.

Il pranzo è stato aperto alle ore 13 dall’intervento del Vicario Don Franco Iampietro che ha portato il saluto del Vescovo, impossibilitato ad essere presente per l’improvvisa dipartita del vescovo emerito di Benevento S.E. Mons. Sprovieri, sottolineando la necessità di vivere questi momenti di integrazione e di solidarietà  con slancio e amore concreto.

Erano presenti ospiti della Caritas, di alcune Associazioni operanti nel territorio e un buon numero di immigrati, famiglie intere con i loro bambini che hanno potuto sperimentare quanto sia costruttiva la dimensione di fraternità vissuta in un rapporto di ascolto e rispetto vicendevole.

Il personale tutto del Centro era felice e  una delle lavoratrici vestita da “Befana” ha consegnato a ciascuno dei presenti un piccolo dono.

Commovente alle ore 16, sia per chi restava sia per chi ritornava in città, la partenza: gli occhi di tutti esprimevano dolore e gioia: dolore per la presa di coscienza di quanto sia difficile ancora  realizzare una vera uguaglianza tra tutti, gioia per aver donato e partecipato ad  un momento di sentita condivisione a tanti cittadini in difficoltà.

Il pomeriggio poi dopo le 18  nella sala del Centro, un momento di riflessione sul tema: “Le sfide della povertà nella società di oggi” con Luigino Bruni.  Una relazione non accademica  ma intessuta di esperienza concreta e che sottolineava  il valore, nell’esperienza vissuta in quella significativa giornata, della presenza condivisa di cattolici, musulmani, evangelici, persone senza convinzioni religiose, nella sola prospettiva di un mondo unito e in pace.

Significative le esperienze donate dalla Dr.ssa Lidia Corticelli della Comunità dei Focolari di San Severo (Puglia) e dal Dr. Francesco Salomone, responsabile delle Sentinelle della carità operante in Benevento.

Vari momenti artistici  coordinatati dalla Dr.ssa Liliana Taddeo  e offerti  da tre giovani (Giovanni Longobardi alla tastiera, Marco Cocule al clarinetto, Marta Cioffi al violino) hanno sottolineato con il linguaggio musicale la bellezza dell’intera giornata.

Alla fine dell’incontro si è avanzata la proposta avanzata di dar vita presso il Centro la Pace ad un “Tavolo per i poveri” con la partecipazione di tutte le Associazioni laiche e religiose della città, al fine di unire gli sforzi e coordinare quelle iniziative future che sarà necessario prendere. Unanime il consenso alla proposta da parte  dei partecipanti e dei responsabili di comunità religiose e associazioni presenti.

In allegato l’articolo apparso sulla Gazzetta Benevento

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO