Non bevo più

1106
Condividi

Abbandonata dal marito e dai figli, in preda ad un’angoscia senza fondo, avevo cercato una compensazione nell’alcol. Per un anno, grazie all’aiuto degli Alcolisti Anonimi, ero riuscita a mantenermi sobria; ma poi ero ripiombata nella vita di prima. Mi facevo pena, volevo smettere… ma non vedevo come avrei potuto farcela.

Una sera, già ubriaca, ho ceduto alle insistenze di un’amica che voleva accompagnarmi alla riunione del gruppo. Ragionavo a malapena. Le ho detto di aspettarmi in auto; il tempo di scolarmi il resto della bottiglia e, barcollando, sono uscita.

In un barlume di coscienza, mentre salivo in auto, ho posato lo sguardo su un’immagine scrostata della Madonna dipinta sul muro del mio cortile e mi è nata una preghiera: «Aiutami tu, ti prego».

È da quella sera che non bevo più. Ho ritrovato la mia famiglia, con mio marito è rinato un rapporto che sembrava irrimediabilmente compromesso; e sono rinata io, grazie all’amore di cui sono stata oggetto nei mesi successivi a quell’episodio.

S.F. – Italia

Da: Il Vangelo del giorno – Dicembre 2018 – Città Nuova Editrice

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO