Associazione PAS Ascoli Piceno: distribuzione dei pasti giornalieri

2194
Condividi

L’associazione PAS, nata nella Diocesi di Ascoli Piceno nel 2017, è una rete di n. 17 associazioni che sul territorio operano a vario titolo nel sostegno al disagio sociale.

In questa fase di emergenza sanitaria la rete continua ad assicurare tutti i servizi di prossimità, di ascolto e di sostegno a favore dei poveri della Diocesi di Ascoli Piceno.

In osservanza di tutte le cautele previste per il contrasto dell’epidemia, le richieste di aiuto vengono censite e gestite via telefono, altri servizi di seguito specificati vengono invece necessariamente assicurati con l’intervento sul campo di volontari.

In particolare, presso il Polo Accoglienza e Solidarietà, rete delle associazioni sta assicurando la distribuzione dei pasti giornalieri che vengono approntati con la collaborazione delle Suore di clausura di Ascoli.

Il cestino giornaliero viene assemblato con generi che pervengono dalla generosità di vari donatori; ciò che manca viene acquistato giornalmente al fine di comporre un pasto completo e abbondante, sufficiente per due volte. Particolare attenzione viene posta per le famiglie che hanno a carico minori e alle varie intolleranze segnalate.

Giornalmente vengono distribuiti circa una cinquantina di “cestini”. La distribuzione avviene, con l’osservanza dei criteri di sicurezza e distanziamento previsti, anche con l’intervento di due operatori della Protezione Civile comunale.

Inoltre ogni sabato viene distribuito presso l’Emporio “Madonna delle Grazie” a quanti si presentano (sia presi in carico che non ancora) un pacco contenente viveri a lunga conservazione sufficienti per una settimana. Sabato scorso sono state effettuate 59 consegne di due colli cadauna.

Ma ciò a partire da questa settimana, non basta più…. la richiesta di sostegno alimentare sta aumentando e quindi ogni giorno vengono soddisfatte in piena collaborazione quelle che arrivano alla Protezione Civile, ai Servizi Sociali o direttamente al PAS. Ogni domanda di aiuto viene presa in considerazione e si cerca di soddisfare ogni esigenza. Da evidenziare la stretta collaborazione che è nata tra Servizi Sociali, Protezione civile e rete delle associazioni.

Insieme ci stiamo quindi preparando a far fronte a una richiesta crescente di aiuto alimentare; per questo vengono impiegati settimanalmente, a rotazione, oltre una ventina di volontari appartenenti a varie associazioni regolarmente autorizzati a svolgere tale servizio dalla Prefettura di Ascoli Piceno.

La parola d’ordine che ci siamo dati è quella che, anche in questo periodo ove ognuno potrebbe giustamente ripiegarsi in se’ stesso, non possiamo non dedicarci agli altri e abbandonare chi tra noi è più fragile. Tutti i volontari sono mossi dal desiderio di “farsi carico del bene degli altri” anche assumendosi un minimo di rischio uscendo da casa, pur nel pieno rispetto della normativa.

E se il DNA dell’essere volontario è la prossimità, oggi causa questa emergenza sanitaria, la catena dei rapporti è cambiata da un TU/ME a un TU/NOI, ove è il NOI è l’INSIEME, la rete che si fa carico delle necessità sociali. C’è un cambio di paradigma dove il “bisognoso” non è più della singola associazione (“quelli che seguiamo noi”) ma c’è una presa in carico solidale, e proprio per questo a più valore aggiunto e in linea con la complessità che stiamo affrontando.

Forse il dramma che stiamo vivendo tra tanto dolore, tante sospensioni e rinunce, sta generando una perla: l’unità.

Associazione PAS – CF 92060500441 – Viale A. De Gasperi, 5 Ascoli Piceno – www.pas-ap.it – info@pas-ap.it

image_pdfimage_print
Condividi

1 commento

  1. Ma a Palermo come si deve fare che il tre giorni sono arrivate più di 15mila domande x assistenza alimentare?

LASCIA UN COMMENTO