Myanmar: dichiarazione di SIGNIS, Pax Christi e Focolari

401
Condividi

Pubblichiamo la dichiarazione congiunta di SIGNIS, Pax Christi International e  Movimento dei Focolari in solidarietà con il popolo di Myanmar.

SIGNIS, l’Associazione cattolica mondiale per la comunicazione, ascolta il grido del coraggioso popolo birmano nella resistenza non violenta al colpo di stato militare del Myanmar che ribalta un’elezione legittima e democratica. Siamo accompagnati da Pax Christi International e dai suoi membri nella regione Asia-Pacifico che, nella loro dichiarazione di febbraio sullo “Stato di emergenza” in Myanmar, hanno già espresso gravi preoccupazioni per la situazione nel Paese. Allo stesso modo, il movimento internazionale dei Focolari si unisce a noi in solidarietà con il popolo birmano.

Ogni giorno persone coraggiose, tra cui molti giovani, tornano in piazza per protestare pacificamente, nonostante gli spari dei soldati. Come simbolo della loro protesta, segno della giusta rabbia del popolo verso i militari, sentiamo il fragore di pentole e padelle, secondo l’usanza birmana per proteggersi dagli spiriti maligni. (…)

Chiediamo ai membri di SIGNIS, di Pax Christi International e del Movimento dei
Focolari in tutto il mondo di dare voce al grido del popolo birmano contattando i
media locali e nazionali per segnalare la situazione e sollecitando i loro governi a
intraprendere forti azioni diplomatiche per opporsi al colpo di stato e riportare la
democrazia in Myanmar.

(leggi tutto l’articolo su focolare.org)

Leggi la dichiarazione

image_pdfimage_print
Condividi

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO