La nostra “prossimità”

184
Condividi

Quando papa Francesco parla di “prossimità”, sembra che annulli tutte le regole che ci siamo fatti riguardo ad un certo stile di vita. Per lui vale l’altro e la nostra capacità di accoglienza. Ne parlavo una volta in ufficio, contrastato da una collega secondo la quale è proprio questo atteggiamento senza regole che sta rovinando la Chiesa.

La ascoltavo stupito e scoraggiato dalla sua sicurezza nel condannare il Papa, nonostante fosse una donna intelligente e, a modo suo, cattolica praticante. Da quel giorno ho evitato di tornare sull’argomento e ogni qualvolta lei mi attaccava con qualche articolo sul Papa, cercavo di sviare il discorso.

L’altro ieri, al telefono, mi ha avvisato che non poteva venire al lavoro per problemi con la figlia anoressica. Appena ho potuto, sono andato da loro. In effetti, la ragazza rischiava la vita. Mia moglie è psicologa e, con trucchi vari, siamo riusciti a frequentarci. Ora la figlia sta meglio, spesso è a casa nostra. La collega mi scrive un messaggio: «Ora capisco cosa intende il Papa con la parola “prossimità”»

(Tratto da Il Vangelo del giorno, Città Nuova, anno VII, n. 4, luglio-agosto 2021)

 

image_pdfimage_print
Condividi

1 commento

  1. Questa esperienza è proprio luminosa: chi sta nella luce – direbbe San Giovanni – non può fermarsi alle chiacchiere e ai “io la penso così tu colí”, può solo approssimarsi agli altri per donare un po della Sua Luce.

LASCIA UN COMMENTO