Il libro “La setta divina”: la posizione del Movimento dei Focolari

6950
Condividi

Rocca di Papa, 9 novembre 2021

Dichiarazione del Movimento dei Focolari in merito alla pubblicazione del libro:“La setta divina” di Ferruccio Pinotti (PIEMME Edizioni)

Il Movimento dei Focolari ha appreso della pubblicazione del libro “La setta divina” del giornalista Ferruccio Pinotti (PIEMME Ed.), uscito oggi nelle librerie italiane.

Il volume giunge in un momento difficile e cruciale della storia del Movimento dei Focolari: quello del passaggio dal periodo della fondazione alla fase post-fondativa. È questo un tempo che, lungo la storia della Chiesa, ha spesso messo a dura prova ordini religiosi, movimenti e comunità, nati da una ispirazione carismatica. Il libro di Ferruccio Pinotti intende dimostrare che, anche nel Movimento dei Focolari, lo zelo iniziale ha portato talvolta ad interpretazioni errate del carisma di Chiara Lubich e/o ad azioni fuorvianti.

Da documenti che Pinotti ha reperito e pubblicato nel libro relativamente ad alcuni dibattiti interni al Movimento dei Focolari, emerge, tuttavia, la sempre maggior consapevolezza nei membri di queste ed altre deviazioni nella sua storia e la necessità di porvi rimedio.

Il volume non pare comunque offrire una presentazione oggettiva e ponderata di tale carisma, riconosciuto dalla Chiesa Cattolica, e non tiene conto dell’impegno di migliaia e migliaia di persone che, ispirate alla vita e all’insegnamento della fondatrice, si dedicano quotidianamente in tutto il
mondo, con generosità, a creare rapporti, a risanare ferite e a superare spaccature in ogni ambito della vita ecclesiale e sociale, per costruire un mondo più fraterno e più unito.

Riteniamo indiscutibile il dolore delle persone che in queste pagine raccontano le loro storie di grande sofferenza, delusione, inganno e abusi subiti, come anche quello di coloro che non hanno voluto rendere pubbliche le proprie testimonianze.

Il Movimento dei Focolari, nelle persone della Presidente Margaret Karram e del Copresidente Jesús Morán, esprime nuovamente la vergogna e il dolore nei confronti delle vittime e di quanti si sono comunque sentiti offesi, la propria vicinanza e il desiderio di continuare o intraprendere un percorso di dialogo con essi. Ribadisce l’impegno a combattere ogni forma di abuso, a continuare percorsi di prevenzione e di formazione dei membri e dei responsabili e ripete l’invito a tutte le persone che hanno da segnalare fatti o storie di abusi, di rivolgersi alla Commissione per il Benessere e la Tutela dei minori e degli adulti vulnerabili (CO.BE.TU.) oppure ai rispettivi organi ecclesiali.

Nonostante la lettura parziale, unilaterale, a volte inesatta o riduttiva della storia, della spiritualità e dell’attività del Movimento, guardiamo a questo libro come ad un’ulteriore spinta nella prosecuzione dei processi di conversione e rinnovamento in atto, in fedeltà al carisma di fondazione e nello sviluppo di un confronto aperto, libero e critico all’interno del Movimento e con chiunque desideri comprendere appieno la sua realtà e collaborare con esso.

Stefania Tanesini
Addetto Stampa Movimento dei Focolari – +39 338 5658244

Dichiarazione_Pubblicazione_libro_F._Pinotti

Fonte: www.focolare.org

image_pdfimage_print
Condividi

12 Commenti

  1. Debbo credere, anche senza aver letto il libro che il Pinotti poco ha a che fare con il senso ecclesiale della chiesa. Prima di commentare un fatto occorre averlo vissuto nel suo pieno contesto. Non e una questione di giornalismo questa. Sarebbe bello poterlo avvicinare per aggiorarlo con le migliaia di esperienze che facciamo e non limitarsi a semplici e puri fatti sempr edi cronaca che possono succedere in ogni gruppo dovute alla forza del maligno che sempre regna.

  2. Io l’ho vissuto, e quanto dice Pinotti, purtroppo, corrisponde al vero. Sanare ferite? Mah, a me le hanno create e sono stato escluso in maniera magistrale dal “gruppo”. Non ho visto mai tanta ipocrisia. Belle parole ma pochi fatti. Si dialoga e si aiuta chi dicono loro. Peccato.

    • Vero ci sono 2 tipi di persone nel movimiento de 1 clase e 2 clase lo qui hanno molto soldi perche il movimiento non niente di da vedere coi poveri e le prime pope e popi vivono da borgesi non fanno gran cosa per i poveri i primi tempi sono lontano

    • Anni e anni di famiglie nuove. Mariapoli, Loppiano ecc ecc. Mai sperimentato carità ma solo autoreferenza. Mai sentita Chiara Lubich così lontana. Quasi una entità inesistente. Bruttissima avventura. Meno male che ne sono uscito!

  3. Carissima Stefania, vorrei far giungere per tuo tramite a Margaret e Jesus a voi e tutto la mia unita’ insieme al dolore causato dal titolo ” setta divina”. CHIARA DISSE CHE PER CURARE TUTTO IL CORPO SI PRATICA UNA PUNTURA SU UM PUNTO DEL CORPO. NOI SIAMO I PUNTI DI QUEL CORPO. Se alcuni hanno usato quel punto per iniettare veleno tanti tantissimo lo utilizzano per iniettare antiveleni e amore per il prossimo e sicuramente il veleno non avrà effetto anzi servirà a verificare il corpo

  4. Esprime molto bene il cuore del popolo di Chiara LUBICH questo comunicato stampa. Molto più proteso a capire e dialogare con chi si è trovato a disagio nel movimento che a stigmatizzare l’autore di un libro dal titolo veramente irriverente verso un’opera di Dio.

    • Questo comunicato è incredibilmente pieno di umiltà e carità.
      Ho l’impressione che sia stato scritto così più per noi attuali interni che per giustificarsi.
      Voglio cogliere questo invito di Margaret ad assumere questo atteggiamento di vera umiltà per amare questo volto di Gesù Abbandonato.

  5. Mi chiedo come certi testi demenziali come Storia di Light e i Paradiso del ’49 siano ancora disponibili e scaricabili su vari siti (es. Focolari Liguria). Ragazzi datevi una mossa e risvegliate la vostra coscienza! Dio esiste e non è focolarino. Vi viene a cercare ogni giorno, apritegli la porta del vostro cuore.

  6. È mia opinione che non sia corretto dare un giudizio su un libro senza averlo letto.
    Solo leggendolo si può valutare il contenuto ed esprimere le proprie valutazioni.
    Ritengo che alcune pagine non andavano publicate per il semplice fatto che le stesse vanno lette in un contesto e con la dovuta sensibilità.
    Credo inoltre che sia salutare lasciarsi “toccare” dalle provocazioni del libro mettendosi in discussione.

  7. Libro banale, superficiale e soprattutto scontato. Al di là degli abusi sessuali, che purtroppo accadono ovunque. Quanti padri, zii, nonni…fanno questo e nessuno ne parla.
    Tutto il resto mi sembra il ritrovo delle ‘signore ben pensanti del cortile sotto casa’ .
    È un libro pieno di interpretazioni ‘personali’ di racconti fatti in buona fede e di esagerazioni volute di fatterelli (probabilmente) inventati.
    È un libro dove si fanno ‘insinuazioni’ sui rapporti rendendoli banali e scandalosi.
    Distorsione esagerata di dinamiche di una ‘famiglia’ mal conosciuta.
    In sintesi io direi che Pinotti ed i suoi sostenitori ABUSANO del loro essere giornalisti per fare soldi e vendere libri ai creduloni, a coloro che si nutrono di bassezze, e purtroppo a quelli che come me devono conoscere per difendersi.
    Quanto male fate ai più piccoli ed ai più indifesi.

  8. Io ho vissuto un esperienza simile a quelle deninciate nel libro di Pinotti ma dopo tanto dolore ho fatto una distinzione fra cio che persone deviate , malate hanno imposto senza controllo e il carisma di Chiara…penso che è un passo importante essenziale vitale che possiamo fare …per dignita della nostra buona fede e della scelta di seguire un carisma rivoluzionari…resta difficile parlarne ma io credo che va fatta una distinzione

  9. Tutte le “congregazioni” interne alla chiesa cattolica apostolica romana e quelle esterne hanno evidenti connotati settari. Per condannarle tutte e senza appello basterebbe vedere il coinvolgimento che gli adepti praticano sui loro figli che vengono indotti in scelte scellerate che alla loro eta non possono certamente fare!

LASCIA UN COMMENTO