Agosto 2023

Condividi

“Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri” (Mt 15,28). (1)

Gesù si dirige verso la regione di Tiro e Sidone, in terra straniera. Pare che cercasse con i suoi un po’ di riposo finalmente, e forse anche solitudine, silenzio, preghiera, rifugio. All’improvviso giungono loro le grida di una donna, che, come altri personaggi nei vangeli, non ha nome. La sua presenza disturba e dà fastidio ai discepoli, che «implorano» Gesù di esaudirla per liberarsene: «ci viene dietro gridando».

La donna non si blocca per il fatto di non essere israelita, né di essere donna, né perché il Maestro la ignori. È una madre, disperata per la figlia «molto tormentata da un demonio». Avvicina Gesù con la tenacia di volere un incontro personale con lui, e riesce a «prostrarsi dinanzi» al Maestro mentre insiste nella sua richiesta di aiuto. Gesù le rivolge parole di una durezza inaudita: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini».

“Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri”.

La donna accetta il diniego; comprende che il suo mondo non fa parte della missione primaria di Gesù; assume che il suo Dio non è una macchina distributrice di grazie, ma un padre che chiede un rapporto secondo verità che passa dal riconoscere anche la propria personale povertà. Questa donna, consapevole di ciò, guarda Gesù negli occhi: «È vero, Signore, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni». Mette Gesù – per così dire – con le spalle al muro, e lui si lascia commuovere dall’umiltà di chi si accontenta delle briciole. Persino le sue grida sembrano esprimere una fede e lo chiama «Signore, Figlio di David!».

“Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri”.

La sua grande fede viene scolpita nei vangeli da alcuni verbi: la donna esce e va verso Gesù; grida; piange; domanda pietà; lo riconosce Signore e gli si prostra innanzi; mantiene intatta la tenacia e la certezza che per il Signore l’impossibile è possibile; risponde alla durezza di Gesù con una logica impeccabile. Amore materno e fiducia sono i suoi punti di forza. «E da quell’istante sua figlia fu guarita».

Questa Parola è la fotografia della fede viva e operativa in una persona. E, al contempo, mostra il travaglio ed il cammino della prima comunità cristiana, a cui Matteo si rivolge, nell’aprirsi al mondo non ebraico, che è alla ricerca e ospita grande fede.

“Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri”.

Come per la donna sirofenicia «anche la nostra fede può essere messa in crisi da una difficoltà improvvisa, da un evento imprevisto che viene a sconvolgere i nostri progetti, da una grave malattia, dal prolungarsi di una situazione molto dolorosa» (2), e potremo aggiungere dalla non pace nel mondo, dalle ingiustizie strutturali, dal pianeta gravemente malato, da conflitti familiari e sociali…

E una delle nostre debolezze potrebbe essere la mancanza di perseveranza e di piena fiducia. «Dio permette che la nostra fede attraversi situazioni difficili e, a volte, assurde. Egli vuole purificarla, vuole vedere se noi sappiamo veramente abbandonarci in Lui, credendo che il suo amore è molto più grande dei nostri progetti, desideri o attese» (3).

È successo a Saliba. Anche lui pareva costretto ad abbandonare la sua città, Homs (Siria), e i suoi anziani genitori. Il negozio del padre, vetraio, era rimasto distrutto durante la guerra in una città sventrata. Come altri giovani, Saliba pensava di doversi costruire nuove opportunità altrove, ma non si è arreso. Con i suoi 22 anni e la caparbietà di chi non rinuncia a dare il proprio contributo al suo popolo ferito, ha colto l’occasione che gli è stata offerta dal progetto RestarT (4) per aprire il suo minimarket, dove i suoi concittadini troveranno formaggi, yogurt e burro realizzati artigianalmente dalla mamma, oltre a legumi, oli, spezie, caffè. Conta già su un frigorifero e un generatore di corrente. Con a suo fianco l’anziano padre, nei giorni in cui il minimarket sarà chiuso, distribuirà cestini di cibo tra famiglie senza risorse (5).

A cura di Victoria Gómez e del team della Parola di Vita

_________________________________________________________________

1 Dal 1° al 6 di agosto 2023 si svolgerà a Lisbona la XXXVII Giornata Mondiale della Gioventù. Il tema evangelico scelto per l’incontro è: “Maria si alzò e andò in fretta” (Lc 1,39). Nel suo Messaggio di invito ai giovani, papa Francesco spiega: «La Madre del Signore è modello dei giovani in movimento, non immobili davanti allo specchio a contemplare la propria immagine o ‘intrappolati’ nelle reti. Lei è tutta proiettata verso l’esterno». E augura che la GMG sia un momento per ritrovare insieme «la gioia dell’abbraccio fraterno tra i popoli e tra le generazioni, l’abbraccio della riconciliazione e della pace, l’abbraccio di una nuova fraternità missionaria».

2 Cf. C. Lubich, Parola di Vita di giugno 1994, in eadem, Parole di Vita, a cura di Fabio Ciardi (Opere di Chiara Lubich 5; Città Nuova, Roma 2017) p. 550.
3 Ibid.
4 https://www.amu-it.eu/progetti-int/restart-ripartire-per-restare/
image_pdfimage_print
Condividi

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO