Puglia: candidati in dialogo

212

La Puglia è alla vigilia della consultazione per la elezione del proprio Consiglio.
Sono davvero tanti i temi nell’agenda del nuovo Governo regionale; tutti esigono un approccio nuovo e responsabile che riteniamo non possa più limitarsi alla sterile politica degli schieramenti contrapposti.
In tale contesto il Movimento Politico per l’Unità ha proposto un confronto sulle sfide che attendono la nostra Regione, alla vigilia della prossima consultazione amministrativa, con specifico riferimento ad alcune tematiche più sensibili per cittadini del territorio della provincia di Foggia. L’intento è quello di offrire un’occasione di “dialogo aperto” tra cittadini e candidati sui temi in agenda. Non un’occasione di propaganda, ma un cantiere di lavoro e uno spazio di confronto e condivisione nel quale, ciascuno nel proprio partito o movimento, si sforza di concorrere nel disegnare la Regione che vogliamo.
Riteniamo che occorra un “patto” tra le parti in campo, che metta alla base i principi fondativi della nostra costituzione; che nell’ottica di quella “circolarità” che la Costituzione stessa mette a fondamento della nostra convivenza, tracci nuovi percorsi di impegno politico e di partecipazione dei cittadini alla costruzione del bene comune.
Venerdì 4 settembre a San Severo abbiamo invitato nove candidati del territorio a misurarsi in un esercizio di dialogo su mafia, legalità e caporalato; piano di sviluppo rurale; sanità, migrazioni ed emigrazione giovanile; federalismo fiscale e questione meridionale; gioco d’azzardo lecito; terzo settore e partecipazione. I temi erano scaturiti da una fase predente di raccolta di domande tra i cittadini, in modo da coinvolgerli pienamente al confronto.
L’incontro si è articolato dando voce agli schieramenti a sostegno dei candidati Presidenti, in maniera che i partiti in coalizione organizzassero i propri interventi come gruppo e non come singole formazioni. Questo perché, mai come oggi, è necessario che le coalizioni dimostrino una reale capacità di sintesi e di riuscire a fare squadra, abbandonando il criterio stantio dei contrappesi elettorali, per lasciare spazio a competenze e impegno comune.
Va dato atto ai cinque candidati presenti (Dal Maso M5S, De Rossi del PD, Gaeta del nuovo PSI UdC, Lacci del movimento M5S , e Rosito di Italia In Comune), di aver vinto pienamente la sfida del dialogo. L’incontro si è infatti distinto per la misura degli interventi e la continua ricerca di un contributo alle problematiche sollevate, preferiti a qualsiasi tipo di sterile polemica.
Non ultimo è opportuno rilevare che gli stessi hanno sostenuto in solido le spese organizzative, dando un raro esempio di cooperazione tra partiti di differenti coalizioni.
Sui temi, al di là di qualche legittima diversità di prospettiva e di approfondimento, la lettura delle problematiche ha complessivamente fatto emergere una sostanziale convergenza circa l’urgenza di intervenire.
Ci auguriamo che questo incontro preluda ad una sempre maggiore attenzione condivisa, da parte dei rappresentanti politici regionali, alle tematiche che investono il bene di tutti i cittadini. Stamattina giungono alcuni commenti:
– da uno dei candidati partecipanti, “serata cordiale e costruttiva. Il confronto si è sempre mantenuto in un clima familiare e ispirato alla massima correttezza”.
– un altro candidato: “un confronto leale”.
– una cittadina: “Desidero esprimere il mio grazie per il confronto che ieri sera c’è stato fra politici di diversi schieramenti, a dimostrazione che è possibile esporre serenamente i diversi punti di vista senza trascurare il rispetto, dovuto a tutti i cittadini, per la propria libertà di scelta democratica”.

05/09/2020 La segreteria regionale MPPU

image_pdfimage_print

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO